Olio extravergine di oliva: spremuto o estratto a freddo?

Cosa significa “spremitura a freddo”?

L’estrazione dell’olio dalla pasta di olive gramolata può avvenire grazie a tre differenti sistemi. Questi si differenziano principalmente per il principio fisico alla base della separazione dell’olio dai residui solidi e dall’acqua di vegetazione. La dicitura “Olio extravergine di oliva prima spremitura a freddo” è un’indicazione riservata solo agli oli d’oliva vergini o extravergini ottenuti tramite pressione della pasta di olive, ossia tramite estrazione tradizionale mediante presse idrauliche ad una temperatura inferiore ai 27°C.

Spremuto o estratto a freddo

Spesso facciamo confusione fra le diciture olio extravergine di oliva “spremitura a freddo” e “olio extravergine di oliva “estratto a freddo”. Quest’ultima, olio extravergine di oliva “estratto a freddo” è adoperata esclusivamente per gli oli ottenuti ad una temperatura inferiore ai 27°C, tramite il processo di centrifugazione (sistema continuo) o per percolamento (sistema per tensione superficiale della pasta di olive o Sinolea). La prima sfrutta la separazione fra i vari componenti della pasta in base al diverso peso molecolare. Per la seconda si usano lamelle metalliche per separare l’olio dall’acqua.

L’olio spremuto/estratto a freddo è di qualità migliore?

Le diciture olio extravergine di oliva spremitura a freddo  o olio extravergine di oliva estratto a freddo, presenti in etichetta, non sottintendono necessariamente una maggior qualità rispetto al prodotto che ne è sprovvisto. Questo perché in quanto olio extravergine questo deve necessariamente essere sempre prodotto al di sotto dei 27°C. Questo tipo di indicazioni sono facoltative a discrezione del singolo produttore e comunque se utilizzate devono essere documentate in caso di verifica da parte delle autorità competenti.

 

Copyright © 2017 OlivYou Magazine by OLIVYOU S.r.l. All rights reserved