Dolce agogia

La Dolce Agogia rappresenta una delle varietà di olive autoctone più apprezzate del territorio umbro dove, insieme al Moraiolo, al Frantoio e al Leccino contribuisce alla fonazione dell’olio Dop Umbria. La produzione autoctona dell’eccellente olio extravergine della regione si estende tra il Lago Trasimeno e la Valle Umbra, da Perugia, a Orvieto fino a Terni. Proprio la zona lacustre rappresenta la culla della culrivar Dolce Agogia.

Nel complesso la regione è caratterizzata da un’incantevole paesaggio collinare, lontana dal mare ma molto ricco di corsi d’acqua interni. Qui la coltivazione dell’olivo ha radici molto antiche e risale al tempo degli etruschi. Oggi l’Umbria è una delle regione d’Italia dove si produce il miglior olio extravergine grazie a condizioni climatiche favorevoli alla coltivazione dell’olivo.

Caratteristiche organolettiche

Dolce Agogia

La Dolce Agogia è caratterizzata da piante vigorose e molto resistenti alle temperature rigide che tendono però a soffrire la mancanza di acqua. Dai suoi frutti si ricava un’ottima qualità di olio evo, tuttavia le olive tendo a staccarsi dai rami ancora prima di essere pienamente mature. Per questo motivo la loro raccolta è precoce è avviene solitamente verso la fine di novembre.

L’olio extravergine di oliva Dolce Agogia si distingue per il suo colore verde tenue con sinuosi riflessi gialli. Il suo fruttato medio leggero sprigiona note vegetali con sentori di carciofo e mandorla. Dal gusto dolce al primo impatto, con profumi tipici dell’area del Mediterraneo. In chiusura è armonico, con lievi sensazioni di amaro e piccante che ne esaltano l’aroma.

Abbinamenti

L’olio extravergine di oliva prodotto da varietà Dolce Agogia è perfetto per valorizzare le saporite ricette della cucina umbra come gli stangozzi alla norcina. Un piatto tipico che racchiude tutti i sapori tipici del territorio umbro e che secondo la tradizione può essere preparato con due diverse ricette. La sua prima variante prevede l’utilizzo della ricotta (o panna) e alla salsiccia locale. Nella seconda versione a trionfare è il tartufo nero di Norcia, grattugiato e riscaldato assieme all’aglio e alle acciughe. Protagonista assoluto di entrambe le ricette è l’olio evo ottenuto da questa cultivar autoctona.

Stangozzi alla norcina

Grazie alle pregiate caratteristiche organolettiche, che ne fanno una vera e proprio eccellenza dell’umbria,  questo olio si sposa alla perfezione anche con le zuppe a base di verdure e con le carni bianche cotte alla brace.

L’olio Dop extravergine di oliva Umbria

Olio extravergine di oliva Umbria

Lolio extravergine di oliva Umbria di Frantoio Batta è un’eccellenza della produzione Dop del territorio. La Dop Umbria è la prima in Italia a coprire l’intera produzione regionale e dal 1997 comprende ben cinque aree geografiche differenti: i Colli Amerini, i Colli Assisi-Spoleto, i Colli Martani, i Colli Orvietani e i Colli del Trasimeno. Proprio da una di queste aree incontaminate, sulla strada di San Girolamo a Perugia, nasce Frantoio Batta. Una piccola azienda famigliare nata nel 1923 che produce uno degli olio più conosciuti e apprezzati della regione.

L’olio extravergine di oliva Umbria è un evo a denominazione di origine protetta che appassiona per il suo fruttato intenso con sentori erbacei e balsamici che emergono dal blend di diverse cultivar autoctone. Le varietà di olive Dolce Agogia, Frantoio, Leccino e Moraiolo sprigionano in questo evo il carattere montuoso di questa terra. Dal colore dorato intenso con nuance verdoline al naso è ampio e avvolgente.  Mentre al gusto è fine e complesso con note di amaro spiccato e piccante deciso. Ottimo per condire a crudo piatti freddi e caldi di struttura robusta. Lo possiamo abbinare a primi piatti di pesce, formaggi freschi e insalate di verdure.

Se vuoi scoprire di più sulle fantastiche terre di questa regione non perderti il nostro articolo dedicato agli Oli dell’Umbria.

Copyright © 2017 OlivYou Magazine by OLIVYOU S.r.l. All rights reserved